Palazzo Ducale Sanchez de Luna

PalazzoDucaleSanchezdeLunaLOCALIZZAZIONE:
Provincia: Caserta
Città: Sant’Arpino, piazza Umberto I
Coordinate GPS: @40.957685,14.252416

DESCRIZIONE

L’edificio si sviluppa su tre livelli, con le finestre al piano nobile in maggiore risalto. Il bellissimo portale in piperno presenta una balaustra finemente decorata e sostiene l’ampio balcone della facciata. Tra i tre ordini di questa esistono delle incorniciature che ne appiattiscono piacevolmente l’imponenza. Nei suoi locali, fino a meta del 1800, esistevano affreschi ed opere d’arte. Resti di affreschi e istoriazioni sui soffitti si notano ancora nelle sale di recente restaurate. Da ammirare il maestoso stemma araldico che si trova nella volta dell’ingresso principale. E’ in corso di restauro e dovrebbe essere destinato ad attività culturali d'arte contemporanea “MASSIMO STANZIONE” (questi ultime due curate dalla Pro Loco). In un suggestivo salone è allestita la “sala convegni”, in cui si svolgono importanti eventi della cittadina atellana

NOTIZIE STORICHE

Costruito tra il 1574 ed il 1592 da Alonzo III Sanchez de Luna d’Aragona, all’epoca Marchese di Grottola e Tesoriere del Regno di Napoli, è stato residenza ininterrotta di questa famiglia e dei Caracciolo di S. Teodoro che ne furono eredi feudali, fino al 1836. Dal 1903 al 1932 fu occupato dal commerciante Giuseppe MACRI’ che aveva avuto trascorsi militari al seguito di GARIBALDI (sergente) e nell’Esercito Regio Italiano (tenente) dopo l’unificazione d’Italia. Donato dallo stesso, con decisione testamentaria, al Comune di S. Arpino,. Il palazzo sorse sul luogo precedentemente occupato da un’antica Chiesa dedicata a S. Elpidio della quale rimangano le tracce in alcune lapidi fatte affiggere da ALONZO III.

UTILIZZO ATTUALE

E’ sede degli uffici comunali e di importanti istituzioni culturali, tra cui la BIBLIOTECA COMUNALE “Luigi Compagnone”, il MUSEO CIVICO e la PINACOTECA COMUNALE.